Desiderata

Cosa chiediamo alla vita? quali sono i nostri più grandi desideri ? siamo sicuri che se poi avverano saremo poi soddisfatti? Sentite questa legenda orientale e esprimete il vostro unico desiderio più grande.VISHNU_copy.jpg

Si racconta che un devoto, tanti anni fa, pregava continuamente Vishnu affinché gli concedesse una certa grazia, poi un’altra, poi gli esaudisse un qualche desiderio…
Ad un certo punto Vishnu gli apparve, e gli spiegò che lui non riusciva più a compiere i propri doveri perché era continuamente distratto da quelle preghiere e richieste di interventi.
Così Vishnu comunicò al devoto che aveva deciso di esaudire tre suoi desideri, qualsiasi essi fossero, a patto che poi, e per tutto il resto della vita, non ci sarebbe stata più alcuna ulteriore richiesta.
Il devoto, tutto contento, espresse di getto il suo primo desiderio:
– Vishnu, ti prego, io ho una moglie terribile, che rovina le mie giornate, che mi fa vivere nel litigio e mi toglie la tranquillità: falla morire, così che io possa liberarmi da questo mio grande problema!
Senza alcun commento, Vishnu esaudì il primo desiderio.
Tornato a casa, il devoto trovò tutti gli amici in lacrime per la grande perdita.
– Povero amico nostro, potrai mai consolarti?
E tutti parlavano delle doti della donna scomparsa: chi ne decantava la voce melodiosa, chi l’arte di cucinare, chi la cura con la quale gestiva la casa, chi la bellezza, chi la rara intelligenza.
Così il devoto si rese conto di non essersi mai accorto del grande valore della moglie, e di non essere mai stato capace di apprezzarne le doti straordinarie.
Tornò correndo da Vishnu, gli raccontò l’accaduto e gli chiese di correggere l’errore commesso: Vishnu, sempre senza commentare, esaudì anche questo secondo desiderio e fece tornare in vita la moglie.
– Ti rimane un terzo desiderio. Cosa vuoi che io faccia per te?
Ma a questo punto il devoto aveva capito sulla propria pelle di non sapere bene cosa desiderare. Aveva capito di poter sbagliare nell’esprimere un desiderio, e soprattutto era consapevole che il prossimo che avesse espresso non ne contemplava un quarto per poter tornare indietro.
Così chiese a Vishnu di concedergli un po’ di tempo, per poter pensare in modo approfondito a quale desiderio esprimere, e come farlo.
– Tutto il tempo che vuoi – lo rassicurò Vishnu.
Passò un mese, poi due…
Dopo un anno Vishnu apparve al devoto, e gli chiese notizie sullo stato dei suoi pensieri.
Il devoto gli confessò che non era ancora riuscito a identificare un desiderio sufficientemente chiaro e soprattutto che non corresse il rischio di rivelarsi un grave errore, visto che non avrebbe potuto correggerlo.
Visnù lo rassicurò, spiegandogli che non c’era alcuna fretta.
Passarono dieci anni, il devoto era più maturo, e Vishnu tornò a fargli visita.
– Allora?
– Vishnu, più ci penso e più comprendo di non essere in grado di esprimere alcun vero desiderio. Perché non mi aiuti tu a trovarne uno?
E Vishnu:
– Questa è veramente una buona idea. Perché non provi a desiderare qualsiasi cosa ti succederà?

Desiderataultima modifica: 2009-07-13T19:04:14+02:00da juniorino1
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “Desiderata

Lascia un commento