SCOPERTO IL TESORO NASCOSTO DELLA PARMALAT

Capace del peggio, la televisione Italiana riserva anche delle belle sorprese ogni tanto. La dissuasione il lunedì  30 novembre, di un reportage  nella trasmissione “Expert”, su RAI 3, che trattava della prossima vendita di quadri proprietà di Calisto Tanzi, a spinto gli magistrati di Parma ad intercettare i suoi familiari e a mettere mano ad un importante collezione  privata. Il sabato  5 dicembre , la decisione è stata presa per investire  3  residenze, di cui una appartenente al genero di  Tanzi.

Calisto Tanzi  Condannato a 10 anni  de prigione in primo grado, è responsabile nel 2003 del  crack de la società Parmalat, gigante dell’agroalimentare, nel quale furono inghiottiti  14 miliardi di euro penalizzando  banche e più di  135 000 piccoli risparmiatori . Le perdite erano mascherate sotto artificiosi giri finanziari con la complicità delle autorità proposte ai controlli e di certi politici.

Tanzi ha riconosciuto la maggiore parte dei fatti di cui è accusato ma fino ad ora dichiarava di non avere  nessun ‘ tesoro nascosto’. Le varie ricerche  fatte in  Ecuador , in  Uruguay e in  Venezuela non avevano dato nessun risultato. Invece grazie alle varie intercettazioni dei familiari i magistrati sono riusciti a scoprire nelle cantine delle residenze perquisite, 19 quadri famosi di cui  una  natura morta de Picasso, un Van Gogh, un Manet, un Gauguin, un Cezanne, un abbozzo de Degas, un Ligabue, un Modigliani, un Severini e la Falaise de Pourville de Monet che si preparava a raggiungere la collezione privata di un miliardario Russo per la somma di 10 milioni di euro.  

Stefano Strini, il genero di  Calisto Tanzi,  la cui moglie aveva il compito di custodire queste opere è stato denunciato per complicità ed occultamento.  Il ricavato di questa operazione contribuirà al risarcimento delle vittime del crack..

(Autore: Philippe Ridet Le Monde)

SCOPERTO IL TESORO NASCOSTO DELLA PARMALATultima modifica: 2009-12-07T18:12:00+01:00da juniorino1
Reposta per primo quest’articolo

Un pensiero su “SCOPERTO IL TESORO NASCOSTO DELLA PARMALAT

Lascia un commento